Carta giornale: il meglio che ci sia per i traslochi

Uno dei prodotti che no può mai mancare quando si tratta di organizzare un trasloco è la carta del giornale. Se dovete organizzare il vostro imminente trasferimento, iniziate a tenere da parte i quotidiani per le fasi dell’imballaggio. Potere anche chiedere a parenti e amici di tenere da parte un giornale o due. Anche al lavoro, se arriva il giornale direttamente in fiducia, potete tenerlo da parte perché è un prodotto davvero utile. È tra i migliori prodotti low cost che si consiglia di avere quando si arriva alla fatidica fase del trasloco. Vediamo come potete usare i fogli dei quotidiani per il vostro trasloco. Dopo avere usato la carta del giornale per proteggere gli oggetti fragili e riempire gli spazi vuoti nello scatolone, potete usarla per pulire i vetri.

Proteggere i fragili

L’uso principale che potete fare della carta del giornale è per proteggere tutti gli oggetti fragili. Tutti gli oggetti che potrebbero rompersi durante il viaggio verso la vostra nuova casa, vanno incartati con cura con la carta del giornale. Nel dettaglio si tratta di patti e bicchieri. Altri oggetti fragili che hanno bisogno di protezione sono anche tutti gli schermi piatti, come quello della televisione e del computer. Abbondate pure con la carta e poi mette i fragili uno scatolone, ricordate di scriverci sopra: attenzione fragile. Al momento del carico e scarico degli scatoloni saprete che dovete fare più attenzione con questi contenitori perché al loro interno di sono oggetti che si possono rompere.

Riempire gli spazi vuoti nella scatola

Ogni volta che fate uno scatolone e inserire al suo interno degli oggetti, è facile che poi restino degli spazietti vuoti. Dovrete utilizzare il giornale per fare delle palline di carta e inserirle nella scalota. Lo scopo è eliminare lo spazio vuoto perché durante il trasporto gli oggetti nella scatola potrebbero muoversi e sbattere tra di loro, rovinandosi e rompendosi.

Per avere subito ulteriori dettagli, fai click su www.cotroneotraslochi.roma.it